Utilizziamo cookies per ottimizzare la nostra presenza in internet. Se continuate a utilizzare questo sito, acconsentite all’uso dei cookies. Per ulteriori informazioni consultate la nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.

Micrositi
 

VITA VMK Master®

Per il rivestimento estetico di strutture metalliche con CET convenzionale

VITA VMK Master è una ceramica feldspatica naturale per il rivestimento estetico delle classiche leghe ceramizzabili (ca. 13,8 – 15,2 µm/mK).

Indipendentemente dal fatto che le leghe classiche vengano fuse, fresate o sinterizzate.

Lavorazione precisa e sicura.
 
Versatilità magistrale, perfetta per l'uso quotidiano e l'estetica - questa è VITA VMK Master.

Vantaggi

  • materiale senza compromessi per quanto riguarda sicurezza ed estetica
  • lavorazione precisa e sicura e quindi di facile apprendimento
  • caratteristiche di lavorazione di eccellenza, come ad es. modellabilità migliorata, semplicità di impiego e retrazione minima
  • classico schema di stratificazione dentina-smalto
  • ampia gamma di masse aggiuntive per individualizzazione
  • restauri altamente estetici grazie ai colori brillanti
  • disponibile in colorazione VITA SYSTEM 3D-Master e VITA classical A1 – D4

VITA VMK Master® Articoli

VITA VMK MASTER® VITA classical A1-D4®

VITA VMK MASTER OPAQUE PASTE, 5 g
Denominazione Cod. 5 g
A1 B483015
A2 B483025
A3 B483035
A3.5 B483045
A4 B483055
B1 B483065
B2 B483075
B3 B483085
B4 B483095
C1 B483105
C2 B483115
C3 B483125
C4 B483135
D2 B483145
D3 B483155
D4 B483165
VITA VMK MASTER OPAQUE, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
A1 B4840112 B4840150 B48401250
A2 B4840212 B4840250 B48402250
A3 B4840312 B4840350 B48403250
A3.5 B4840412 B4840450 -
A4 B4840512 B4840550 -
B1 B4840612 B4840650 -
B2 B4840712 B4840750 -
B3 B4840812 B4840850 -
B4 B4840912 B4840950 -
C1 B4841012 B4841050 -
C2 B4841112 B4841150 -
C3 B4841212 B4841250 -
C4 B4841312 B4841350 -
D2 B4841412 B4841450 -
D3 B4841512 B4841550 -
D4 B4841612 B4841650 -
VITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE, 12 g / 50 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g
A1 B4843112 B4843150
A2 B4843212 B4843250
A3 B4843312 B4843350
A3.5 B4843412 B4843450
A4 B4843512 B4843550
B1 B4843612 B4843650
B2 B4843712 B4843750
B3 B4843812 B4843850
B4 B4843912 B4843950
C1 B4844012 B4844050
C2 B4844112 B4844150
C3 B4844212 B4844250
C4 B4844312 B4844350
D2 B4844412 B4844450
D3 B4844512 B4844550
D4 B4844612 B4844650
VITA VMK MASTER DENTINE, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Corrispondenza smalto Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
A1 EN1 B4845112 B4845150 B48451250
A2 EN1 B4845212 B4845250 B48452250
A3 EN1 B4845312 B4845350 B48453250
A3.5 EN2 B4845412 B4845450 B48454250
A4 EN2 B4845512 B4845550 -
B1 EN2 B4845612 B4845650 B48456250
B2 EN2 B4845712 B4845750 B48457250
B3 EN2 B4845812 B4845850 -
B4 EN2 B4845912 B4845950 -
C1 EN2 B4846012 B4846050 B48460250
C2 EN2 B4846112 B4846150 B48461250
C3 EN1 B4846212 B4846250 B48462250
C4 EN1 B4846312 B4846350 -
D2 EN2 B4846412 B4846450 B48464250
D3 EN2 B4846512 B4846550 -
D4 EN2 B4846612 B4846650 -

VITA VMK MASTER® VITA SYSTEM 3D-MASTER®

VITA VMK MASTER DENTINE, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Corrispondenza smalto Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
0M1 EN1 B4803112 B4803150 -
0M2 EN1 B4803212 B4803250 -
0M3 EN1 B4803312 B4803350 -
1M1 EN1 B4803412 B4803450 B48034250
1M2 EN1 B4803512 B4803550 B48035250
2L1.5 EN1 B4803612 B4803650 B48036250
2L2.5 EN1 B4803712 B4803750 -
2M1 EN1 B4803812 B4803850 B48038250
2M2 EN1 B4803912 B4803950 B48039250
2M3 EN1 B4804012 B4804050 -
2R1.5 EN1 B4804112 B4804150 -
2R2.5 EN1 B4804212 B4804250 B48042250
3L1.5 EN1 B4804312 B4804350 -
3L2.5 EN1 B4804412 B4804450 -
3M1 EN1 B4804512 B4804550 -
3M2 EN1 B4804612 B4804650 B48046250
3M3 EN1 B4804712 B4804750 -
3R1.5 EN1 B4804812 B4804850 -
3R2.5 EN3 B4804912 B4804950 -
4L1.5 EN1 B4805012 B4805050 -
4L2.5 EN1 B4805112 B4805150 -
4M1 EN1 B4805212 B4805250 -
4M2 EN3 B4805312 B4805350 -
4M3 EN3 B4805412 B4805450 -
4R1.5 EN1 B4805512 B4805550 -
4R2.5 EN3 B4805612 B4805650 -
5M1 EN1 B4805712 B4805750 -
5M2 EN3 B4805812 B4805850 -
5M3 EN3 B4805912 B4805950 -
VITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE, 12 g / 50 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g
0M1 B4806112 B4806150
0M2 B4806212 B4806250
0M3 B4806312 B4806350
1M1 B4806412 B4806450
1M2 B4806512 B4806550
2L1.5 B4806612 B4806650
2L2.5 B4806712 B4806750
2M1 B4806812 B4806850
2M2 B4806912 B4806950
2M3 B4807012 B4807050
2R1.5 B4807112 B4807150
2R2.5 B4807212 B4807250
3L1.5 B4807312 B4807350
3L2.5 B4807412 B4807450
3M1 B4807512 B4807550
3M2 B4807612 B4807650
3M3 B4807712 B4807750
3R1.5 B4807812 B4807850
3R2.5 B4807912 B4807950
4L1.5 B4808012 B4808050
4L2.5 B4808112 B4808150
4M1 B4808212 B4808250
4M2 B4808312 B4808350
4M3 B4808412 B4808450
4R1.5 B4808512 B4808550
4R2.5 B4808612 B4808650
5M1 B4808712 B4808750
5M2 B4808812 B4808850
5M3 B4808912 B4808950
VITA VMK MASTER OPAQUE, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
OP0 B4825012 B4825050 -
OP1 B4825112 B4825150 B48251250
OP2 B4825212 B4825250 B48252250
OP3 B4825312 B4825350 B48253250
OP4 B4825412 B4825450 -
OP5 B4825512 B4825550 -
VITA VMK MASTER OPAQUE PASTE, 5 g
Denominazione Cod. 5 g
OP0 B483505
OP1 B483515
OP2 B483525
OP3 B483535
OP4 B483545
OP5 B483555

VITA VMK MASTER® masse aggiuntive
utilizzabile per VITA SYSTEM 3D-MASTER e Colorazione VITA classical A1- D4

VITA VMK MASTER TRANSLUCENT, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
T1 B4809112 - -
T2 B4809212 - -
T3 B4809312 - -
T4 B4809412 B4809450 B48094250
T5 B4809512 - -
T6 B4809612 - -
T7 B4809712 - -
T8 B4809812 - -
VITA VMK MASTER DENTINE MODIFIER, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
DM1 B4812112
DM2 B4812212
DM3 B4812312
DM4 B4812412
DM5 B4812512
DM6 B4812612
DM7 B4812712
DM8 B4812812
VITA VMK MASTER LUMINARY, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
LM1 B4814112
LM2 B4814212
LM3 B4814312
LM4 B4814412
LM5 B4814512
LM6 B4814612
VITA VMK MASTER PEARL TRANSLUCENT, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
PLT1 B4815112
VITA VMK MASTER OPAL TRANSLUCENT, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
OT1 B4817112
VITA VMK MASTER WINDOW, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
WIN B4818112 B4818150 B48181250
VITA VMK MASTER ENAMEL, 12 g / 50 g / 250 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g Cod. 250 g
EN1 B4819112 B4819150 B48191250
EN2 B4819212 B4819250 B48192250
EN3 B4819312 B4819350 B48193250
VITA VMK MASTER CERVICAL, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
CE1 B4820112
CE2 B4820212
CE3 B4820312
VITA VMK MASTER CORRECTIVE, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
COR1 B4822112
COR2 B4822212
VITA VMK MASTER GINGIVA, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
G1 B4823112
G2 B4823212
G3 B4823312
G4 B4823412
G5 B4823512
VITA VMK MASTER NECK, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
N1 B4824112
N2 B4824212
N3 B4824312
N4 B4824412
N5 B4824512
VITA VMK MASTER WASH OPAQUE, 12 g / 50 g
Denominazione Cod. 12 g Cod. 50 g
WO B4825912 B4825950
VITA VMK MASTER MARGIN, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
MN B4826012
M1 B4826112
M2 B4826212
M3 B4826312
M4 B4826412
M5 B4826512
VITA VMK MASTER GINGIVA OPAQUE, 12 g
Denominazione Cod. 12 g
GOL B4827112
GOD B4827312
VITA VMK MASTER WASH OPAQUE PASTE, 7 g
Denominazione Cod. 7 g
WO B483597
VITA VMK MASTER GINGIVA OPAQUE PASTE, 5 g
Denominazione Cod. 5 g
GOL B483715
GOD B483735

VITA VMK Master® Assortimenti

VITA VMK MASTER® VITA classical A1-D4®

VITA VMK Master® STANDARD SET POWDER VITA classical A1-D4®
Assortimento base per la riproduzione dei colori VITA classical A1-D4
BVMKSETC
QuantitàContenutoMateriale
112 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE WO
1612 gVITA VMK MASTER OPAQUE A1 - D4
1612 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE A1 - D4
1612 gVITA VMK MASTER DENTINE A1 - D4
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1 - EN2
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura A+B+C con molari (confezione da 6 pz.)
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER classical
1Scala colori VITA classical A1-D4
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® STANDARD SET PASTE VITA classical A1-D4®
Assortimento base per la riproduzione dei colori VITA classical A1-D4
BVMKSETPC
QuantitàContenutoMateriale
17 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE PASTE WO
165 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE A1 - D4
1612 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE A1 - D4
1612 gVITA VMK MASTER DENTINE A1 - D4
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1 - EN2
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura A+B+C con molari (confezione da 6 pz.)
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER classical
1Scala colori VITA classical A1-D4
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® STARTER SET POWDER VITA classical A1-D4®
Assortimento due colori
BVMKSSC
QuantitàContenutoMateriale
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE A2 - A3
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE A2 - A3
212 gVITA VMK MASTER DENTINE A2 - A3
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA astina colore A2
1VITA astina colore A3
VITA VMK Master® STARTER SET PASTE VITA classical A1-D4®
Assortimento due colori
BVMKSSCP
QuantitàContenutoMateriale
25 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE A2 - A3
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE A2 - A3
212 gVITA VMK MASTER DENTINE A2 - A3
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1VITA astina colore A2
1VITA astina colore A3
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE

VITA VMK MASTER® VITA SYSTEM 3D-MASTER®

VITA VMK Master® 10-COLOR-SET POWDER VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento base ridotto con i 10 colori 3D-MASTER più diffusi
BVMK10S3D
QuantitàContenutoMateriale
112 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE WO
412 gVITA VMK MASTER OPAQUE OP1 - OP4
1012 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 1M2, 2L1.5, 2M1 - 2M2, 2R2.5, 3L1.5, 3M1 - 3M3, 4M2
1012 gVITA VMK MASTER DENTINE 1M2, 2L1.5, 2M1 - 2M2, 2R2.5, 3L1.5, 3M1 - 3M3, 4M2
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1, EN3
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER 3D-MASTER
1VITA Linearguide 3D-MASTER
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® 10-COLOR-SET PASTE VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento base ridotto con i 10 colori 3D-MASTER più diffusi
BVMK10SP3D
QuantitàContenutoMateriale
17 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE PASTE WO
45 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE OP1 - OP4
1012 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 1M2, 2L1.5, 2M1 - 2M2, 2R2.5, 3L1.5, 3M1 - 3M3, 4M2
1012 gVITA VMK MASTER DENTINE 1M2, 2L1.5, 2M1 - 2M2, 2R2.5, 3L1.5, 3M1 - 3M3, 4M2
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1, EN3
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER 3D-MASTER
1VITA Linearguide 3D-MASTER
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® BLEACHED COLOR SET POWDER VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Colori chiarissimi per la riproduzione di denti sottoposti a sbiancamento
BVMKBCS
QuantitàContenutoMateriale
112 gVITA VMK MASTER OPAQUE OP0
312 gVITA VMK MASTER DENTINE 0M1 - 0M3
312 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 0M1 - 0M3
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA BLEACHED SHADE GUIDE, Shade Group 0
VITA VMK Master® BLEACHED COLOR SET PASTE VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Colori chiarissimi per la riproduzione di denti sottoposti a sbiancamento
BVMKBCSP
QuantitàContenutoMateriale
15 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE OP0
312 gVITA VMK MASTER DENTINE 0M1 - 0M3
312 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 0M1 - 0M3
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1VITA BLEACHED SHADE GUIDE, Shade Group 0
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE
VITA VMK Master® STANDARD SET POWDER VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento base per la riproduzione dei colori 3D-MASTER
BVMKSET3D
QuantitàContenutoMateriale
112 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE WO
512 gVITA VMK MASTER OPAQUE OP1 - OP5
2612 gVITA VMK MASTER DENTINE 1M1 - 1M2, 2L1.5 - 2L2.5, 2M1 - 2M3, 2R1.5 - 2R2.5, 3L1.5 - 3L2.5, 3M1 - 3M3, 3R1.5 - 3R2.5, 4L1.5 - 4L2.5, 4M1 - 4M3, 4R1.5 - 4R2.5, 5M1 - 5M3
2612 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 1M1 - 1M2, 2L1.5 - 2L2.5, 2M1 - 2M3, 2R1.5 - 2R2.5, 3L1.5 - 3L2.5, 3M1 - 3M3, 3R1.5 - 3R2.5, 4L1.5 - 4L2.5, 4M1 - 4M3, 4R1.5 - 4R2.5, 5M1 - 5M3
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1, EN3
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura A+B+C con molari (confezione da 6 pz.)
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER 3D-MASTER
1VITA Linearguide 3D-MASTER
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® STANDARD SET PASTE VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento base per la riproduzione dei colori 3D-MASTER
BVMKSETP3D
QuantitàContenutoMateriale
17 gVITA VMK MASTER WASH OPAQUE PASTE WO
55 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE OP1 - OP5
2612 gVITA VMK MASTER DENTINE 1M1 - 1M2, 2L1.5 - 2L2.5, 2M1 - 2M3, 2R1.5 - 2R2.5, 3L1.5 - 3L2.5, 3M1 - 3M3, 3R1.5 - 3R2.5, 4L1.5 - 4L2.5, 4M1 - 4M3, 4R1.5 - 4R2.5, 5M1 - 5M3
2612 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 1M1 - 1M2, 2L1.5 - 2L2.5, 2M1 - 2M3, 2R1.5 - 2R2.5, 3L1.5 - 3L2.5, 3M1 - 3M3, 3R1.5 - 3R2.5, 4L1.5 - 4L2.5, 4M1 - 4M3, 4R1.5 - 4R2.5, 5M1 - 5M3
212 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1, EN3
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
112 gVITA VMK MASTER WINDOW WIN
312 gVITA VMK MASTER CERVICAL CE1 - CE3
512 gVITA VMK MASTER NECK N1 - N5
212 gVITA VMK MASTER CORRECTIVE COR1 - COR2
150 mlVITA MODELLING FLUID
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE
1VITA MODISOL
1Supporti di cottura A+B+C con molari (confezione da 6 pz.)
1Supporti di cottura G (confezione da 2 basi e 20 perni)
1Indicatore tinte VITA VMK MASTER 3D-MASTER
1VITA Linearguide 3D-MASTER
1Guida colori VITA VMK MASTER STANDARD
VITA VMK Master® STARTER SET POWDER VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento due colori
BVMKSS3D
QuantitàContenutoMateriale
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE OP2 - OP3
212 gVITA VMK MASTER DENTINE 2M2, 3M2
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 2M2, 3M2
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
150 mlVITA OPAQUE FLUID
1VITA astina colore 2M2
1VITA astina colore 3M2
VITA VMK Master® STARTER SET PASTE VITA SYSTEM 3D-MASTER®
Assortimento due colori
BVMKSSP3D
QuantitàContenutoMateriale
25 gVITA VMK MASTER OPAQUE PASTE OP2 - OP3
212 gVITA VMK MASTER DENTINE 2M2, 3M2
212 gVITA VMK MASTER OPAQUE DENTINE 2M2, 3M2
112 gVITA VMK MASTER ENAMEL EN1
112 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T4
150 mlVITA MODELLING FLUID RS
115 mlVITA PASTE OPAQUE LIQUID
1VITA astina colore 2M2
1VITA astina colore 3M2
1Pennello piatto, per PASTE OPAQUE
1Spatola di miscelazione, in plastica per PASTE OPAQUE

VITA VMK MASTER® masse aggiuntive
utilizzabile per VITA SYSTEM 3D-MASTER e Colorazione VITA classical A1- D4

VITA VMK Master® ADDITIONAL SET
Masse aggiuntive per restauri altamente individualizzati
BVMKAS
QuantitàContenutoMateriale
812 gVITA VMK MASTER TRANSLUCENT T1 - T8
812 gVITA VMK MASTER DENTINE MODIFIER DM1 - DM8
612 gVITA VMK MASTER LUMINARY LM1 - LM6
612 gVITA VMK MASTER MARGIN MN, M1 - M5
112 gVITA VMK MASTER PEARL TRANSLUCENT PLT1
112 gVITA VMK MASTER OPAL TRANSLUCENT OT1
150 mlVITA MODELLING FLUID
1Guida colori VITA VMK MASTER TRANSLUCENT
1Guida colori VITA VMK MASTER MARGIN / GINGIVA
1Guida colori VITA VMK MASTER DENTINE / MODIFIER / LUMINARY
VITA VMK Master® GINGIVA SET POWDER
Masse gengivali di aspetto naturale
BVMKGS
QuantitàContenutoMateriale
512 gVITA VMK MASTER GINGIVA G1 - G5
212 gVITA VMK MASTER GINGIVA OPAQUE GOL, GOD
1Guida colori VITA VMK MASTER MARGIN / GINGIVA
VITA VMK Master® GINGIVA SET PASTE
Masse gengivali di aspetto naturale
BVMKGSP
QuantitàContenutoMateriale
512 gVITA VMK MASTER GINGIVA G1 - G5
25 gVITA VMK MASTER GINGIVA OPAQUE PASTE GOL, GOD
1Guida colori VITA VMK MASTER MARGIN / GINGIVA
VITA AKZENT® Plus

VITA AKZENT® Plus
Ottimizzato. Semplice. Completo.

VITA INTERNO®

VITA INTERNO®
Per la riproduzione di effetti cromatici in profondità

VITA Easyshade®

VITA Easyshade®
Un apparecchio – infinite applicazioni. E voi sempre al centro!

VITA VACUMAT® 6000 M

VITA VACUMAT® 6000 M
Forno per ceramica Premium con dettagli sorprendenti e affidabilità convincente

Informazione sul prodotto

No. 10287 VITA VMK Master Produktinfo (Versione 001)

DE DE
BG BG
EL EL
PL PL
RO RO
SR SR
CS CS
HU HU

No. 10287_1 VITA VMK Master Produktinfo (Versione 001)

IT IT
EN EN
FR FR
ES ES
PT PT
Istruzioni di impiego

No. 10304 VITA VMK Master Quick Start istruzioni di impiego (Versione 001)

DE DE

No. 1645 VITA VMK Master (Versione 003)

IT IT
DE DE
EN EN
FR FR
ES ES
RU RU
EL EL
PL PL
PT PT
CS CS
HU HU

No. 1645 VITA VMK Master (Versione 001)

BG BG
AR AR
RO RO
SR SR
Articoli specialistici

Altersgerechte Restaurationen (Versione 001)

DE DE

Dentalzeitung 2/2011: Digitale Farbbestimmung, Amos Harting (Versione 001)

DE DE

DZW ZahnTechnik 8-9/2010: Naturnahe Frontzahnkornen mit CAD/CAM Fertigung und Verblendkeramik VMK Master, ZT Raymond Salathé (Versione 001)

DE DE

ZTM 2/2010: Standfest, brennstabil, ästhetisch, Christoph Freihöffer (Versione 001)

DE DE

No. 1688 QZ 08/2009:Das Brennen von dentaler Verblendkeramik, Michael J. Tholey, Norbert Thiel (Versione 001)

DE DE
Modulo d'ordine

No. 1654M VITA VMK MASTER VITA SYSTEM 3D-MASTER® (Versione 001)

DE DE

No. 1655M VITA VMK Master VITA classical A1-D4® (Versione 001)

DE DE
Tabelle cottura

VITA VMK Master / 4000 PT / VPad com + ex + clin (Versione 001)

IT IT
DE DE
EN EN
FR FR
ES ES

VITA-VMK-MASTER-Degu-Dent-Cergo-Press.zip (Versione 001)

DE DE

VITA-VMK-MASTER-DEKEMA-Austromat-3001-langsame-Abkuehlung.zip (Versione 001)

DE DE

VITA-VMK-MASTER-DEKEMA-Austromat-3001-schnelle-Abkuehlung.zip (Versione 001)

DE DE

VITA-VMK-MASTER-DEKEMA-Austromat-M.zip (Versione 001)

DE DE

VITA-VMK-MASTER-Dentsply-Multimat-MC-II.zip (Versione 001)

DE DE

VITA-VMK-MASTER-IVOCLAR-Programat-P9095.zip (Versione 001)

DE DE
Elenco leghe

Leghe per VITA VMK MAster (Versione 002)

IT IT
DE DE
EN EN
FR FR
ES ES
Schede di sicurezza

No. 1 VITA OPAQUE FLUID (Versione 002)

IT IT
DE DE
EN EN
FR FR
ES ES
PL PL
PT PT
RO RO
CS CS
NL NL
SV SV
DA DA
FI FI
SK SK
NO NO
SL SL
EN-CA EN-CA
EN-US EN-US
EN-AU EN-AU

Agevole download di numerosi documenti

Scaricate in un unico passo un file ZIP con tutti i file scelti.
Basta selezionare i file e poi fare clic qui.
Fessure nella ceramica

Possibili cause e soluzioni:

  • Modellare in forma anatomica ridotta soprattutto in caso di molari e ponti, per ottenere spessori uniformi della ceramica. Rinforzare le cuspidi nei posteriori. Modellare ad U gli spazi interdentali.
  • Attenersi alle indicazioni relative a fusione, temperature e apparecchiature di fusione. Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche. Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • Non miscelare leghe diverse. Non utilizzare troppe materozze.
  • In fase di sabbiatura controllare che la sabbia sia pulita ed abbia la granulometria corretta.
  • Rifinire l’intera superficie della corona o del ponte per eliminare eventuali prodotti di reazione tra superficie della lega e rivestimento o impurità superficiali. Finire anche gli spazi interdentali.
  • Alcuni produttori non consigliano più l’esecuzione di una cottura di ossidazione. Tuttavia quando si utilizza cambia tipo di lega o in caso di problemi è opportuno eseguirla. In questo caso non si tratta più di una cottura di ossidazione, bensì di una cottura di detersione. Serve a verificare il colore dell’ossido, che deve essere uniforme. Non devono esserci macchie o decolorazioni sulla superficie da rivestire. Successivamente è possibile eliminare l’ossido mediante sabbiatura.
  • In fase di miscelazione di tutte le masse ceramiche evitare l’incorporazione di bolle d’aria. Usare una spatola di vetro o agata. Con una spatola in metallo si possono generare abrasioni metalliche, che causano decolorazioni grigie nella ceramica. Aggiungere il liquido alla polvere dal lato, in caso contrario possono formarsi bollicine. Prestare attenzione che il posto di lavoro sia pulito: polvere metallica, impurità nell’acqua di risciacquo del pennello, strati eccessivi di isolante possono causare problemi.
  • Nei ponti separare sempre fino all’opaco, soprattutto per la prima cottura. La retrazione della ceramica si dirige sempre verso il punto più spesso, non sempre è utile applicare molto materiale. Applicare il materiale in modo mirato. Non utilizzare strumenti asciutti o seghettati, che potrebbero separare o strappare la ceramica dalla superficie dell’opaco.
  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti. Controllare la muffola con uno specchio.
  • Se prima della rifinitura si è usato un gommino per lucidare, successivamente non si deve bagnare la superficie con un liquido. In primo luogo pulire la superficie. Non è sufficiente detergere con vapore o acqua; ma è necessario eliminare meccanicamente i residui di silicone dalla superficie
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi.
  • Quando si eseguono correzioni su un ponte, in fase di completamento degli spazi interdentali non condensare materiale asciutto, perché non si realizzerebbe alcun legame. Eventualmente bagnare gli spazi interdentali con un liquido oleoso (ad. es. Interno) prima di completarli.
Formazione di bolle

Possibili cause e soluzioni

  • Sovrapposizione dei rivestimenti
  • Miscelazione errata del rivestimento (attenersi alle indicazioni del produttore)
  • Controllare che la strutture metallica non abbia lacune
  • Non miscelare leghe diverse. Non utilizzare troppe materozze.
  • Non separare direttamente sulla cappetta metallica, in modo da rifinire accuratamente la zona del canale di colata.
  • Se possibile evitare saldature anche al laser
  • In fase di sabbiatura controllare che la sabbia sia pulita ed abbia la granulometria corretta.
  • Sabbiare con angolazione bassa. In caso contrario sussiste il rischio che la sabbia penetri nella lega.
  • Se si usa un decapante, pulire accuratamente il restauro.
  • Per la finitura usare frese in metallo duro a taglio incrociato, pulite. Non esercitare pressione eccessiva e attenersi alle velocità indicate per le singole leghe.
  • Durante la finitura evitare surriscaldamento superficiale.
    Non usare gli strumenti di finitura per leghe diverse.
  • Non eseguire la finitura con diamantate o gommini diamantati.
  • Rifinire l’intera superficie della corona o del ponte per eliminare eventuali prodotti di reazione tra superficie della lega e rivestimento o impurità superficiali.
  • Finire in un’unica direzione per evitare sovrapposizioni.
  • A seconda del tipo di lega sabbiare con granulometria da 50 – 250 mµ. In caso di leghe diverse prestare attenzione alla pressione di sabbiatura e sabbiare con un’angolazione di 45°. Utilizzare sabbiatrici senza ricircolo e sabbia pulita..
  • A seconda dell’ossidazione superficiale, alcuni produttori consigliano un decapaggio. La superficie viene „nobilitata“ in quanto vengono eliminate impurità. Prestare la massima attenzione a pulire accuratamente le strutture, in modo che non permangano residui di decapante sulla superficie.
  • Alcuni produttori non consigliano più l’esecuzione di una cottura di ossidazione. Tuttavia quando si cambia tipo di lega o in caso di problemi è opportuno eseguirla. In questo caso non si tratta più di una cottura di ossidazione, bensì di una cottura di detersione. Serve a verificare il colore dell’ossido, che deve essere uniforme. Non devono esserci macchie o decolorazioni sulla superficie da rivestire. Successivamente è possibile eliminare l’ossido mediante sabbiatura.
  • Per la cottura wash applicare il materiale in strato sottile e consistenza acquosa. In tal modo si ottiene un buon bagnamento superficiale. Grazie allo strato sottile il materiale “fonde” bene. L’uso dell’opaco wash non è tassativo, per la cottura wash si può anche utilizzare il normale opaco.
  • In fase di miscelazione di tutte le masse ceramiche evitare l’incorporazione di bolle d’aria. Usare una spatola di vetro o agata. Con una spatola in metallo si possono generare abrasioni metalliche, che causano decolorazioni grigie nella ceramica. Aggiungere il liquido alla polvere dal lato, in caso contrario possono formarsi bollicine. Prestare attenzione che il posto di lavoro sia pulito: polvere metallica, impurità nell’acqua di risciacquo del pennello, strati eccessivi di isolante possono causare problemi.
  • Quando si riattivano le masse ceramiche per la 2. cottura non aggiungere liquido per modellare, ma acqua distillata. Anche in questo caso prestare attenzione a non incorporare bollicine. La massa stratificata sulla corona deve presentare umidità omogenea. Non continuare ad inumidire e non lasciar essiccare completamente.
Dopo la cottura la ceramica è troppo pallida

Possibili cause e soluzioni

  • Quando si riattivano le masse ceramiche per la 2. cottura non aggiungere liquido per modellare, ma acqua distillata. Anche in questo caso prestare attenzione a non incorporare bollicine. La massa stratificata sulla corona deve presentare umidità omogenea. Non continuare ad inumidire e non lasciar essiccare completamente.
  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti.
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi
  • Temperatura di cottura troppo bassa.
  • Con VM13 è stata utilizzata una quantità insufficiente di Base Dentine.
  • Con VM13 è stata utilizzata una quantità eccessiva di Transpa Dentine.
  • Quantità eccessiva di smalto.
  • Strato del rivestimento di ceramica troppo sottile;
    inferiore a 0,8 mm
Colore troppo grigio dopo la cottura

Possibili cause e soluzioni

  • Per la cottura wash applicare il materiale in strato sottile e consistenza acquosa. In tal modo si ottiene un buon bagnamento superficiale. Grazie allo strato sottile il materiale “fonde” bene. L’uso dell’opaco wash non è tassativo, per la cottura wash si può anche utilizzare il normale opaco
  • L’opaco deve essere coprente, eventualmente applicarne un secondo strato. Uno strato coprente di opaco è basilare per il colore del risultato finale. Alcune leghe continuano ad ossidarsi durante ogni cottura.
  • In fase di miscelazione di tutte le masse ceramiche evitare l’incorporazione di bolle d’aria. Usare una spatola di vetro o agata. Con una spatola in metallo si possono generare abrasioni metalliche, che causano decolorazioni grigie nella ceramica. Aggiungere il liquido alla polvere dal lato, in caso contrario possono formarsi bollicine. Prestare attenzione che il posto di lavoro sia pulito: polvere metallica, impurità nell’acqua di risciacquo del pennello, strati eccessivi di isolante possono causare problemi.
  • Prestare attenzione che temperature di cottura siano corretti.
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi.
  • L’opaco non è stato applicato in strato coprente.
  • Temperatura di cottura troppo bassa
  • Temperatura di cottura troppo alta.
  • Con VM13 è stata usata troppa dentina.
  • Strato del rivestimento di ceramica troppo sottile; inferiore a 0,8 mm.
Errori di cottura

Possibili cause e soluzioni

  • Prestare attenzione ad un buon adattamento delle masse nella zona marginale, eventualmente passarvi un pennello asciutto, prima di eseguire la cottura.
  • Nei ponti separare sempre fino all’opaco, soprattutto per la prima cottura. La retrazione della ceramica si dirige sempre verso il punto più spesso, non sempre è utile applicare molto materiale. Applicare il materiale in modo mirato. Non utilizzare strumenti asciutti o seghettati, che potrebbero separare o strappare la ceramica dalla superficie dell’opaco.
  • La corona appare "senza vita", non abbastanza traslucente (la causa può essere anche l’uso di un liquido errato)
  • Se dopo la prima cottura di corone i bordi sono arrotondati e l’aspetto è „vetroso“ controllare la muffola.
Distacchi di ceramica

Possibili cause e soluzioni

  • Durante la modellazione in cera considerare fin dall’inizio gli spessori minimi, in modo che dopo la finitura vi sia ancora sufficiente materiale. Osservare le indicazioni del produttore della lega. Per le leghe non nobili gli spessori sono diversi che per le leghe ad elevato tenore d’oro
  • Modellare in forma anatomica ridotta soprattutto in caso di molari e ponti, per ottenere spessori uniformi della ceramica. Rinforzare le cuspidi nei posteriori. Modellare ad U gli spazi interdentali.
  • Imperniare i modelli come da indicazioni del produttore. Prestare attenzione a conservazione, date di scadenza ed indicazioni per la lavorazione dei rivestimenti.
  • Attenersi alle indicazioni relative a fusione, temperature e apparecchiature di fusione. Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche. Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • Non miscelare leghe diverse. Non utilizzare troppe materozze.
  • Non separare direttamente sulla cappetta metallica, in modo da rifinire accuratamente la zona del canale di colata.
  • La struttura metallica deve essere omogenea, se possibile evitare saldature anche al laser.
  • Per la sabbiatura usare sabbia pulita e corretta.
  • Se si usa un decapante, pulire accuratamente il restauro.
  • Per la finitura usare frese in metallo duro a taglio incrociato, pulite. Non esercitare pressione eccessiva e attenersi alle velocità indicate per le singole leghe.
  • Durante la finitura evitare surriscaldamento superficiale. Non usare gli strumenti di finitura per leghe diverse. Non usare diamantate o gommini diamantati.
  • Rifinire l’intera superficie della corona o del ponte per eliminare eventuali prodotti di reazione tra superficie della lega e rivestimento o impurità superficiali. Finire anche gli spazi interdentali.
  • A seconda del tipo di lega sabbiare con granulometria da 50 – 250 mµ. In caso di leghe diverse prestare attenzione alla pressione di sabbiatura e sabbiare con un’angolazione di 45°. Utilizzare sabbiatrici senza ricircolo e sabbia pulita..
  • Alcuni produttori non consigliano più l’esecuzione di una cottura di ossidazione. Tuttavia quando si cambia tipo di lega o in caso di problemi è opportuno eseguirla. In questo caso non si tratta più di una cottura di ossidazione, bensì di una cottura di detersione. Serve a verificare il colore dell’ossido, che deve essere uniforme. Non devono esserci macchie o decolorazioni sulla superficie da rivestire. Successivamente è possibile eliminare l’ossido mediante sabbiatura.
  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti.
  • Con uno specchio controllare la muffola, per verificare che l’intera serpentina sia incandescente.
  • Finire la superficie della ceramica con diamantate. Evitare surriscaldamenti. Se le diamantate sono usurate, non aumentare la pressione ma sostituirle. Se si utilizza una turbina adottare sempre raffreddamento ad acqua.
Microporosità sulla superficie ceramica

Possibili cause e soluzioni

  • In fase di miscelazione di tutte le masse ceramiche evitare l’incorporazione di bolle d’aria. Usare una spatola di vetro o agata. Con una spatola in metallo si possono generare abrasioni metalliche, che causano decolorazioni grigie nella ceramica. Aggiungere il liquido alla polvere dal lato, in caso contrario possono formarsi bollicine. Prestare attenzione che il posto di lavoro sia pulito: polvere metallica, impurità nell’acqua di risciacquo del pennello, strati eccessivi di isolante possono causare problemi.
  • Quando si riattivano le masse ceramiche per la 2. cottura non aggiungere liquido per modellare, ma acqua distillata.. Anche in questo caso prestare attenzione a non incorporare bollicine. La massa stratificata sulla corona deve presentare umidità omogenea. Non continuare ad inumidire e non lasciar essiccare completamente.
  • Applicare le correzioni in porzioni non troppo piccole. Prestare attenzione che le masse non si essicchino eccessivamente, eventualmente utilizzare un liquido che assicuri un’umidità prolungata.
  • Possono prodursi quando le masse ceramiche vengono asciugate in continuazione su tutti i lati con un fazzoletto di carta, e quindi nuovamente inumidite.
Punti neri nella ceramica

Possibili cause e soluzioni

  • In fase di miscelazione di tutte le masse ceramiche evitare l’incorporazione di bolle d’aria. Usare una spatola di vetro o agata. Con una spatola in metallo si possono generare abrasioni metalliche, che causano decolorazioni grigie nella ceramica. Aggiungere il liquido alla polvere dal lato, in caso contrario possono formarsi bollicine.
  • Prestare attenzione che il posto di lavoro sia pulito.
  • Eliminare polvere metallica e di molaggio dagli indumenti di lavoro.
  • Prestare attenzione che non vi siano impurità nell’acqua di risciacquo del pennello.
  • Strati eccessivi di liquido isolante possono causare problemi.
Crepe nella metallo-ceramica

Possibili cause e soluzioni

  • Durante la modellazione in cera considerare fin dall’inizio gli spessori minimi, in modo che dopo la finitura vi sia ancora sufficiente materiale. Osservare le indicazioni del produttore della lega. Per le leghe non nobili gli spessori sono diversi che per le leghe ad elevato tenore d’oro
  • Modellare in forma anatomica ridotta soprattutto in caso di molari e ponti, per ottenere spessori uniformi della ceramica. Rinforzare le cuspidi nei posteriori. Modellare ad U gli spazi interdentali.
  • Imperniare i modelli come da indicazioni del produttore. Prestare attenzione a conservazione, date di scadenza ed indicazioni per la lavorazione dei rivestimenti.
  • Attenersi alle indicazioni relative a fusione, temperature e apparecchiature di fusione. Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche. Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • Non miscelare leghe diverse. Non utilizzare troppe materozze..
  • Non separare direttamente sulla cappetta metallica, in modo da rifinire accuratamente la zona del canale di colata.
  • La struttura metallica deve essere omogenea, se possibile evitare saldature anche al laser.
  • Per la sabbiatura usare sabbia pulita e corretta.
  • Se si usa un decapante, pulire accuratamente il restauro.
  • Per la finitura usare frese in metallo duro a taglio incrociato, pulite. Non esercitare pressione eccessiva e attenersi alle velocità indicate per le singole leghe.
  • Durante la finitura evitare surriscaldamento superficiale. Non usare gli strumenti di finitura per leghe diverse. Non usare diamantate o gommini diamantati.
  • Rifinire l’intera superficie della corona o del ponte per eliminare eventuali prodotti di reazione tra superficie della lega e rivestimento o impurità superficiali. Finire anche gli spazi interdentali.
  • A seconda del tipo di lega sabbiare con granulometria da 50 – 250 mµ. In caso di leghe diverse prestare attenzione alla pressione di sabbiatura e sabbiare con un’angolazione di 45°. Utilizzare sabbiatrici senza ricircolo e sabbia pulita.
  • Per la cottura wash applicare il materiale in strato sottile e consistenza acquosa. In tal modo si ottiene un buon bagnamento superficiale. Grazie allo strato sottile il materiale “fonde” bene. L’uso dell’opaco wash non è tassativo, per la cottura wash si può anche utilizzare il normale opaco.
  • Prestare attenzione al CET della lega. In linea di principio il CET della ceramica deve essere inferiore a quello della lega. Attenersi alle istruzioni di impiego per quanto riguarda raffreddamento lento o rapido della ceramica.
  • Nei ponti separare sempre fino all’opaco, soprattutto per la prima cottura. La retrazione della ceramica si dirige sempre verso il punto più spesso, non sempre è utile applicare molto materiale. Applicare il materiale in modo mirato. Non utilizzare strumenti asciutti o seghettati, che potrebbero separare o strappare la ceramica dalla superficie dell’opaco.
  • Alcuni produttori non consigliano più l’esecuzione di una cottura di ossidazione. Tuttavia quando si cambia tipo di lega o in caso di problemi è opportuno eseguirla. In questo caso non si tratta più di una cottura di ossidazione, bensì di una cottura di detersione. Serve a verificare il colore dell’ossido, che deve essere uniforme. Non devono esserci macchie o decolorazioni sulla superficie da rivestire. Successivamente è possibile eliminare l’ossido mediante sabbiatura.
  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti.
  • Con uno specchio controllare la muffola, per verificare che l’intera serpentina sia incandescente.
  • Finire la superficie della ceramica con diamantate. Evitare surriscaldamenti. Se le diamantate sono usurate, non aumentare la pressione ma sostituirle. Se si utilizza una turbina adottare sempre raffreddamento ad acqua.
Rivestimento di leghe non nobili

Avvertenze per il rivestimento sicuro di leghe non nobili

Dato che strutture realizzate in leghe non nobili sono cattivi conduttori termici e presentano quindi un comportamento differente dalle leghe nobili, per il rivestimento estetico di queste strutture con VITA VM 13 occorre osservare le seguenti indicazioni:

  • Per la fusione di leghe non nobili utilizzare esclusivamente speciali crogiuoli in ceramica.
  • Fondere esclusivamente lega nuova.
  • In fase di finitura della struttura evitare assolutamente spigoli vivi.
  • Sabbiare con biossido di alluminio da 250 µm ed una pressione di 3-4 bar.
  • Attenersi assolutamente alle indicazioni del produttore della lega!
  • Per evitare eventuali decolorazioni tutte le superfici non rivestite di ceramica vanno sabbiate e passate con gommini dopo ogni cottura
  • Ogni volta pulire con la massima cura.
  • Per un legame sicuro tra lega non nobile e VITA VM 13, la cottura wash va eseguita ad una temperatura di 50°C più alta e la cottura dell'opaca con una temperatura di 30°C più alta. In tal modo la superficie viene bagnato meglio e realizzando un legame migliore.
Intorbidamenti nella ceramica

Possibili cause e soluzioni

  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti.
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi.
  • Applicare le correzioni in porzioni non troppo piccole. Prestare attenzione che le masse non si essicchino eccessivamente, eventualmente utilizzare un liquido che assicuri un’umidità prolungata.
  • Può prodursi quando le masse ceramiche vengono asciugate in continuazione su tutti i lati con un fazzoletto di carta, e quindi nuovamente inumidite.
  • Temperatura di cottura troppo bassa.
Distorsione della struttura metallica

Possibili cause e soluzioni

  • Devono essere osservate le regole generali di preparazione
  • Durante la modellazione in cera considerare fin dall’inizio gli spessori minimi, in modo che dopo la finitura vi sia ancora sufficiente materiale. Osservare le indicazioni del produttore della lega. Per le leghe non nobili gli spessori sono diversi che per le leghe ad elevato tenore d’oro
  • Imperniare i modelli secondo le istruzioni del produttore
  • Controllare le condizioni di conservazione e la data di scadenza del rivestimento.
  • Seguire le istruzioni di lavorazione.
  • Controllare temperature e apparecchiature di fusione.
  • Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche.
  • Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • Non miscelare leghe diverse.
  • Non utilizzare troppe materozze.
Problemi del legame metallo-ceramica

Possibili cause e soluzioni:

  • Attenersi alle indicazioni relative a fusione, temperature e apparecchiature di fusione. Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche. Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • Non miscelare leghe diverse. Non utilizzare troppe materozze.
  • Per la cottura wash applicare il materiale in strato sottile e consistenza acquosa. In tal modo si ottiene un buon bagnamento superficiale. Grazie allo strato sottile il materiale “fonde” bene. L’uso dell’opaco wash non è tassativo, per la cottura wash si può anche utilizzare il normale opaco.
  • La superficie dell’opaco deve essere priva di bollicine o porosità. La superficie dell’opaco VM13 deve essere lucida.
  • Non preessiccare troppo velocemente e a temperatura eccessiva ceramica appena stratificata.
  • Quando si eseguono correzioni su un ponte, in fase di completamento degli spazi interdentali non condensare materiale asciutto, perché non si realizzerebbe alcun legame. Eventualmente bagnare gli spazi interdentali con un liquido oleoso (ad. es. Interno) prima di completarli.
Decolorazioni nelle masse ceramiche

Possibili cause e soluzioni:

  • Attenersi alle date di scadenza e alle istruzioni di lavorazione del rivestimento
  • Attenersi alle indicazioni relative a fusione, temperature e apparecchiature di fusione. Verificare la corretta regolazione della fiamma e la temperatura delle apparecchiature di fusione ad induzione o elettroniche. Utilizzare esclusivamente i crogiuoli prescritti per la singola lega.
  • La struttura metallica deve essere omogenea, se possibile evitare saldature anche al laser.
Retrazione della ceramica nell’area dei bordi

Possibili cause e soluzioni:

  • Modellare in forma anatomica ridotta soprattutto in caso di molari e ponti, per ottenere spessori uniformi della ceramica. Rinforzare le cuspidi nei posteriori. Modellare ad U gli spazi interdentali
  • La superficie dell’opaco deve essere priva di bollicine o porosità. La superficie dell’opaco VM13 deve essere lucida.
  • Prestare attenzione ad un buon adattamento delle masse nella zona marginale, eventualmente passarvi un pennello (Nr. 10) asciutto, prima di eseguire la cottura.
  • Nei ponti separare sempre fino all’opaco, soprattutto per la prima cottura. La retrazione della ceramica si dirige sempre verso il punto più spesso, non sempre è utile applicare molto materiale. Applicare il materiale in modo mirato. Non utilizzare strumenti asciutti o seghettati, che potrebbero separare o strappare la ceramica dalla superficie dell’opaco.
  • Se prima della rifinitura si è usato un gommino per lucidare, successivamente non si deve bagnare la superficie con un liquido. In primo luogo pulire la superficie. Non è sufficiente detergere con vapore o acqua; ma è necessario eliminare meccanicamente i residui di silicone dalla superficie
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi.
Mancata unione di due strati di ceramica

Possibili cause e soluzioni:

  • Non preessiccare troppo velocemente e a temperatura eccessiva ceramica appena stratificata
  • Prestare attenzione che parametri e temperature di cottura siano corretti.
  • Se prima della rifinitura si è usato un gommino per lucidare, successivamente non si deve bagnare la superficie con un liquido. In primo luogo pulire la superficie. Non è sufficiente detergere con vapore o acqua; ma è necessario eliminare meccanicamente i residui di silicone dalla superficie.
  • Sulla superficie ceramica non devono esservi residui di isolante. Anche il contatto con l’antagonista, su cui è appena stato applicato dell’isolante, può causare problemi.
  • Applicare le correzioni in porzioni non troppo piccole. Prestare attenzione che le masse non si essicchino eccessivamente, eventualmente utilizzare un liquido che assicuri un’umidità prolungata.
  • Può prodursi quando le masse ceramiche vengono asciugate in continuazione su tutti i lati con un fazzoletto di carta, e quindi nuovamente inumidite.
  • Quando si eseguono correzioni su un ponte, in fase di completamento degli spazi interdentali non condensare materiale asciutto, perché non si realizzerebbe alcun legame. Eventualmente bagnare gli spazi interdentali con un liquido oleoso (ad. es. Interno) prima di completarli.

THIS IS WHY EXPERTS SWEAR BY VITA VMK Master®

VITA VMK MASTER is a feldspar veneering ceramic for metal frameworks in the conventional CTE range made of non-precious metal alloys, palladium-based alloys or alloys with a high or reduced gold content. Ceramic experts, such as Jürgen Freitag (Master Dental Technician), particularly value the versatility and high esthetic potential of VITA VMK Master. The material offers unsurpassed processing characteristics, such as minimized shrinkage, which enables the fabrication of veneers in a single firing process, as well as excellent modelling properties for fast and targeted application of the ceramic.

italiano Italiano